Facebook e Social

Usare FACEBOOK per pubblicizzare la tua attività

social-network-importanzaOggi i social network sono usati da più di 2 miliardi di potenziali clienti!
Quanto, con la tua azienda, stai investendo nella ricerca clienti online? Già perché il mercato è completamente cambiato ormai con il sopravvento di Facebook e similari; il cliente non cerca più ciò di cui ha bisogno ma si aspetta che tu arrivi da lui quando serve!
Quindi, sei al passo con i tempi oppure sparirai con la crisi?
Per un sicuro ritorno investi nella visibilità social!

Parliamone quindi in maniera più approfondita.
Come ogni bravo imprenditore sa, la pubblicità è l’anima del commercio e si fa dove ci sono i propri potenziali clienti.
 Dai primi anni ’90, con la diffusione di Internet, il budget del marketing di ogni azienda ha iniziato a migrare dai media tradizionali verso la rete le cui dinamiche cambiano velocemente. Se all’inizio i siti più visitati erano i portali come Yahoo! e Virgilio oggi, in Italia come all’estero, a farla da padrone sono i motori di ricerca come Google e i vari social network di cui Facebook è il re incontrastato con i suoi oltre 23 milioni di utenti italiani. Il social network in questione, realizzato da Mark Zuckerberg, rappresenta un enorme bacino di utenza per chi vuole farsi pubblicità investendo in maniera mirata per rialzarsi dalla crisi.

Facebook offre la grande opportunità di realizzare, oltre al profilo personale, altri elementi di contatto con gli utenti come i gruppi, le applicazioni e soprattutto le pagine aziendali.
Chiunque un po’ pratico può realizzare un profilo o una pagina ma se l’obiettivo è acquisire clienti ci si deve affidare a chi è competente in maniera poiché il web va costantemente seguito ed ha le sue dinamiche. Quindi serve di compiere alcuni passi.come-promuovere-azienda-su-facebook-4

Il primo passo per un’azienda che vuole promuoversi in questo mondo è capire di cosa ha bisogno: profilo, pagina o gruppo? Ognuno di questi elementi ha le proprie peculiarità e soddisfa una o più necessità.

Il secondo passo è pertanto la realizzazione dell’elemento: profilo, pagina o gruppo. Prenderemo come esempio l’elemento più comune: la pagina!

Per passare da una promozione virtuale ad un ritorno reale, la pagina Facebook ha bisogno di ottenere visibilità; questo si può fare attraverso un pagamento al social network, che fornisce un riscontro limitato al breve termine, oppure tramite una gestione meticolosa e professionale implica l’acquisizione di un seguito, ovvero di persone che dichiarino di apprezzare la pagina o l’azienda che questa rappresenta, punto di partenza questo per l’acquisizione di nuovi clienti.
Il social network per sua natura facilita questa operazione grazie agli strumenti forniti da Facebook ma, come ogni strumento, va saputo utilizzare al meglio. Difatti, se vogliamo raggiungere il maggior numero di clienti possibili, dobbiamo rendere appetibile una pagina Facebook pubblicando contenuti interessanti che siano in linea con le aspettative e le necessità dei nostri potenziali clienti.
Oltre a pubblicare notizie e aggiornamenti che riguardano l’azienda sarà utile condividere informazioni utili per i fan, questo significa che la gestione della pagina Facebook comporta un investimento di tempo e risorse che sarà ripagato dalla fidelizzazione degli utenti.

Per ottenere visibilità e aumentare i fan possiamo utilizzare anche il nostro sito web aziendale. Facebook mette a disposizione degli strumenti di condivisione, sulle pagine del sito aziendale è utile inserire pulsanti “mi piace” o “condividi” e integrare i box che mostrano le facce dei fan. In questo modo chi visita e apprezza il nostro sito avrà la possibilità di condividerlo o diventare fan senza dover accedere a Facebook.

Data la forte presenza delle aziende su Facebook, il flusso di notizie diventa sempre più corposo ed è difficile emergere. Ad aggiungersi inoltre c’è la politica del social network di Mark Zuckerberg che in questi giorni ha modificato l’algoritmo che determina l’uscita dei post in bacheca, diminuendo in maniera considerevole la visibilità delle pagine all’interno del news feed e spingendo le aziende meno pratiche ad acquistare pubblicità per mantenere la visibilità.